.
Annunci online

willard
CULTURA
13 ottobre 2006
FINANZIARIA, tassa di scopo turistica da estendere ai MUSEI; una buona idea del Sindaco Domenici per introiti ai Comuni
integralmente da ADKRONOS
''La norma della Finanziaria sul contributo turistico potra' essere migliorata, ad esempio estendendola anche al biglietto dei musei. Lavoreremo su questo aspetto, purche' sia chiaro che le risorse che ne deriverebbero andrebbero ai Comuni e non allo stato. Ma vogliamo comunque partire con la concertazione''. Lo ha detto il sindaco di Firenze, e presidente dell'Anci, Leonardo Domenici, che ieri pomeriggio ha partecipato al convegno ''Turismo nelle citta' d'arte'', organizzato dal gruppo consiliare della Margherita in palazzo Vivarelli Colonna.
Al convegno e' intervenuto anche l'assessore comunale alle attivita' produttive, Silvano Gori, che sulla tassa di scopo ha sottolineato la necessita' di ''ascoltare le voci delle categorie economiche, come ad esempio degli albergatori - ha detto Gori - Noi, ogni giorno, abbiamo un afflusso di persone in citta' pari, quasi alla popolazione residente. Oltre ad una presenza annua di turisti pari circa a 10 milioni''. La tassa di scopo servirebbe percio' a ''migliorare il decoro di Firenze, le strade, arricchire i programmi anche culturali'' ha spiegato l'assessore, evidenziando che la tassa andrebbe ''estesa non solo ai soggetti passivi che hanno la possibilita' di riscuoterla, come appunto gli albergatori, che in questo momento sono gli unici a poterlo fare''.



permalink | inviato da il 13/10/2006 alle 9:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 35060 volte

Manca l'animo a chi esequisce, o per riverenza, o per
propria viltà dello esecutore.
 (Discorsi sopra la Prima Deca di Tito Livio
Machiavelli)<

Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa.