.
Annunci online

willard
SCIENZA
9 novembre 2006
RICICLARE E ANCORA RICICLARE, al VIA OggI ECOMONDO a RimiNi
Riciclare e ancora riciclare. Una via d'uscita dall'estrema produzione e inquinamento industriale e post-industriale. I dati,finalmente, iniziano ad essere confortanti. Soprattutto per i metalli e per le plastiche, come per la carta. Avviata oggi la 10/ edizione di Ecomondo a Rimini, la fiera del riciclo e dell'energia pulita, le novità sono interessanti. Si va da un'auto da Formula 1 costruita con il riciclaggio dell'alluminio, fino a dati più consistenti, come tanti prodotti di ordine giornaliero che usiamo quotidianamente e che sono costruiti con prodotti riciclati. Innazitutto i giornali, il cui 90 % è stampato su carata di riciclo, ma non solo. Il riciclo infatti ha investito tutti gli ambiti della vita di tutti i giorni. Padelle, rubinetti, caloriferi, mobili, giochi per bambini, letti, panchine, lampioni. E così non è difficile trovare poltrone in cartone o letti in stile giapponese "sdraiati" su tubolari sempre di cartone oppure palette e secchielli per i giochi sulla spiaggia in plastica riciclata. Ma ancora, cosa che puo' apparire inaspettata; i 7 milioni di caffettiere prodotte in Italia sono fatte di alluminio riciclato. Servono 37 lattine per fare una caffettiera. Con 640 lattine si costruisce un cerchione di auto e con 800 una bicicletta completa di accessori. E ancora;  una bottiglia di plastica di 50 grammi può produrre energia necessaria a tenere accesa una lampadina da 60 Watt per un'ora.



permalink | inviato da il 9/11/2006 alle 11:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 35072 volte

Manca l'animo a chi esequisce, o per riverenza, o per
propria viltà dello esecutore.
 (Discorsi sopra la Prima Deca di Tito Livio
Machiavelli)<

Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa.