.
Annunci online

willard
politica interna
6 dicembre 2006
NEWS-LA GIUNTA PER ELEZIONI DEL SENATO HA DECISO IL CONTEGGIO DELLE SCHEDE BIANCHE E NULLE
LA notizia è uscita da pochi minuti. La giunta per le Elezioni del Senato ha deciso il riconteggio delle sche bianche e delle schede nulle delle politiche 2006 in ben 7 Regioni d'Italia, presumibilmente le stesse Regioni messe sotto osservazione dal Film di Deaglio "Uccidete la Democrazia". Sebbene la Magistratura abbia deciso di chiudere la questione (strana cosa?!) La Giunta delle Elezioni ha pensato assolutamente in modo diverso, anche difronte al fatto che già un'esponente parlamentare della Margherita aveva chiesto di far luce sulla vicenda con un'interrogazione parlamentare di diversi mesi fa quando, anonimamante, fu pubblicato il libro "il BROGLIO".



permalink | inviato da il 6/12/2006 alle 17:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
SOCIETA'
30 novembre 2006
IL POTERE ASSOLUTO DEL CALCIO

Il calcio è da diverso tempo un fenomeno non più solo e semplicemente sportivo, ma rappresenta qualcosa di più complesso, un valore sacro ed inviolabile. Il calcio, non solo in Italia ma nel resto del mondo, è ormai diventato una grande, ricca e imponente industria, dominata dagli sponsor economici di dimensioni multinazionali e da alcune potenti società per azioni quotate in borsa.Nel nostro paese il calcio appare tra le prime tre o quattro voci più rilevanti e determinanti dell’economia nazionale, ed è così anche in altre nazioni del mondo. Il potere economico-finanziario del calcio ha ormai assunto dimensioni colossali e smisurate non solo in Italia ma su scala planetaria. In particolare in Italia esso è diventato un incontrollato e incontrollabile fenomeno di corruzione economico-affaristica e politica, come si evince chiaramente dallo scandalo di “calciopoli” e, ancor più, dall’inversione di rotta dei mass-media e della magistratura sportiva, che ha mitigato le pene previste dalle sentenze al fine di arginare e ridurre i rischi di un tracollo finanziario delle società sportive quotate in borsa.

Sempre a proposito dell’importanza economica del calcio, riporto un altro dato significativo. Secondo autorevoli esperti internazionali di economia, la vittoria della nazionale italiana di calcio potrebbe favorire e generare un incremento, in termini percentuali, di almeno lo 0,7% del P.I.L., cioè della ricchezza economica complessivamente prodotta dai lavoratori del nostro Paese.

Tradotta direttamente in soldi, tale crescita ammonterebbe ad almeno 7 miliardi di euro, vale a dire la stessa cifra che il governo Prodi prevede di incassare attraverso la manovra finanziaria varata dal ministro dell’economia Padoa-Schioppa. 




permalink | inviato da il 30/11/2006 alle 12:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica estera
29 novembre 2006
MATTATOIO IRAQ, 7000 MORTI in 2 MESI

Il numero dei civili uccisi in Iraq in ottobre ha toccato un nuovo record, arrivando a oltre 3.700, mentre l'influenza delle milizie aumenta, e la tortura continua a imperversare. Da quando gli Usa hanno invaso il Paese, nel marzo 2003, oltre 2 milioni di persone sono state costrette a lasciare le loro case, per sfuggire alla violenza che dilaga.

Sono dati forniti dalle Nazioni Unite, nell'ultimo rapporto sulla situazione dei diritti umani in Iraq, diffuso oggi.

Secondo l'Ufficio Diritti Umani della Missione Onu di assistenza all'Iraq (UNAMI), il bilancio delle vittime civili irachene registrato in ottobre è di 3.709, rispetto ai 3.345 morti di settembre. Il dato più alto finora era stato quello di luglio, con 3.590 morti civili. Si tratta di cifre calcolate dalle Nazioni Unite, sulla base dei dati forniti dal Ministero della Sanità iracheno.

In tutto, sono 7.054 i civili uccisi in settembre e ottobre (fra cui 351 donne e 110 bambini), a fronte dei 6.599 di luglio e agosto. Dallo studio emerge un grave deterioramento della situazione della sicurezza, la diffusione della povertà nel Paese, e l'alto numero di sfollati - 418.392 solo a causa delle violenze confessionali iniziate dopo l'attentato del 22 febbraio scorso contro la moschea sciita al Askariya di Samarra.Sono molti anche quelli che lasciano il Paese. Dall'invasione del marzo 2003, circa 100.000 persone fuggono in Siria e Giordania ogni mese, mentre è di 1,6 milioni il numero complessivo di coloro che hanno cercato rifugio all'estero – una stima dell'Alto commissariato Onu per i rifugiati (UNHCR).




permalink | inviato da il 29/11/2006 alle 11:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SOCIETA'
28 novembre 2006
D.S., PRENDE IL VIA IL DIBATTITO NELLE SEZIONI SUL FUTURO e sul PARTITO DEMOCRATICO.
Prende il via la discussione sul futuro dei Democratici di Sinistra nelle sezioni. Ne parlano gli iscritti, i simpatizzanti, cercando dalla base di dare e fornire gli impulsi ad un processo politico che in molti vogliono discutere. E' il caso dell'Unione comunale di Poggio a Caiano che Giovedi 30 ha in agenda un'assemblea degli iscritti con il segretario dell'unione comunale e il segretario provinciale, Del Vecchio. Discussione che come molti iscritti dicono si basera su una domanda innanzittuto,  " c'è da capire molto, dove vogliamo andare oppure dove vogliamo restare".  Ma oltre a assemble e riunioni, il tema domina ormai la maggior parte degli incontri.
Il popolo dei DS inizia a muoversi; assemblee, riunioni, per capire ma anche per iniziare un percorso decisivo verso un eventuale nuovo soggetto politico.
http://www.dsprato.it



permalink | inviato da il 28/11/2006 alle 13:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Manca l'animo a chi esequisce, o per riverenza, o per
propria viltà dello esecutore.
 (Discorsi sopra la Prima Deca di Tito Livio
Machiavelli)<

Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa.